• Marco Comendulli

Batterie e basse temperature


Libello: principianti

Un aspetto che spesso non si valuta quando si decide di programmare un uscita in un luogo freddo è la tenuta delle batterie. Si presuppone che queste abbiano una durata simile come in qualsiasi altro luogo. Invece le temperature sotto i 10 gradi, in particolare sotto lo 0° possono ridurre la durata della batteria del 30% - 50%.

Generalmente i processi elettrolitici che avvengono al suo interno riescono a dare il meglio della loro resa energetica più verso i 15 gradi che i 40 gradi. Quando però la temperatura diventa rigida e fredda le trasformazioni chimiche di potenziale rallentano provocando un aumento di calore in fase di utilizzo che disperde parte dell'energia potenzialmente disponibile come risorsa.

Attenzione che questo fenomeno riguarda generalmente tutte le batterie ricaricabili, quindi si produce anche per le batterie delle fotocamere dei cellulari! Quindi scattare troppo fotografie con un dispositivo mobile potrebbe portare ad un prematuro spegnimento togliendo la sicurezza di poter comunicare in situazioni dove magari ne si potrebbe avere necessità.

Come proteggersi da questo fenomeno?

In Internet si leggono mille indicazioni, anche delle più creative e sofisticate, ma a mio avviso troppo complesse perchè non si cerca di dimostrare un esperimento di fisica, ma semplicemente un metodo semplice per salvaguardare meglio la carica della batteria.

Quindi il primo consiglio, banale, è quello di attrezzarsi, quando possibile, con più batterie cosi da averne almeno una di riserva. Secondo aspetto di conservarla in un luogo abbastanza caldo come una tasca dove si tengono le mani oppure nello zaino magari (in un sacchetto forato) insieme al termos (non dove possano bagnarsi con eventuali perdite di liquido).

Infine per i più accorti è possibile premunirsi di piccoli sacchetti termici in grado di conservare la temperatura (non i sacchetti con i sali).

Anche la batteria che si sostituisce è bene conservarla nello stesso luogo di prima, che si è conservato caldo dalla precedente batteria e con la classica busta di sali che, in questo caso, serve ad evitare la condensa, altro aspetto da non sottovalutare per la vita duratura della batteria stessa.

La ricarica con powerback a basse temperature?

Sconsigliata! Infatti il processo di ricarica avverrebbe in condizioni tali per cui la batteria impiegherebbe un tempo superiore per la sua ricarica disperdendo calore e lavorando in modo forzato. Si otterrebbe una ricarica a dispendio della qualità della batteria stessa.

__________________________

PER LEGGERE ALTRI POST SPECIFICI DI APPROFONDIMENTO - QUI

PER INVIARE UNA RICHIESTA SU UNO SPECIFICO ARGOMENTO - QUI


13 visualizzazioni