• Marco Comendulli

Chi è David Alan Harvey?


David Alan Harvey è nato a San Francisco ma è cresciuto in Virginia; iniziò ad esplorare il mondo della fotografia quando aveva 11 anni acquistando una Leica usata. I suoi primi scatti riguardano la sua famiglia e il suo quartiere nel 1956. Negli anni universitari trovò la sua strada e studia storia dell’arte e si specializza in giornalismo all’Università del Missouri.

Uno dei suoi primi grandi successi lo ebbe ai ventitré anni quando visse e documentò le vite di una famiglia nera che viveva a Norfolk, in Virginia. Da questa documentazione pubblicò il libro “Tell It Like It Is” nel 1966 e fu nominato Fotografo dell’anno da parte della National Press Photographers Association nel 1978. In questo lavoro Harvey prese inspirazione e studiò i grandi fotografi come Walker Evans e Eugene Smith, ma anche lavori di autori come Robert Frank e William Klein. Costruì in questo modo il suo ideale: “Cerco di fotografare l’umanità nel suo quotidiano, col desiderio di far apparire tutto il lirismo della nostra esperienza comune”.

Attorno gli anni 1968 il mondo occidentale attraversa una fase di grandi cambiamenti sociali e culturale fu cosi che Harvey venne assunto come reporter di un giornale locale, il Topeka Capital Journal, in Kansas. Qui ebbe inizio la sua prima esperienza con fotografie a colore, poiché era considerato più adatto a conferire veridicità alla documentazione.

Negli anni successivi Harvey viene chiamato a Washington dal National Geographic ed inizia così una collaborazione che accompagnerà il fotografo lungo tutta la sua carriera. Il suo primo incarico ufficiale lo riporta in Virginia, dove realizza un reportage su una comunità di pescatori di Chesapeake. Poco dopo, nel 1975, ebbe la sua prima esperienza fuori dagli Stati Uniti e venne inviato in America Centrale dove l’amore per la cultura latino-americana diventa il nuovo fulcro. Ebbe inizio una serie di viaggi in Messico, Guatemala, Spagna, Trinidad e Tobago, Belize, Honduras, Cile, ecc. Si tratta di una esplorazione nelle varie culture, sia dal punto di vista umano si da quello socio-culturale, ma tratta anche argomenti politici e conflitti internazionali, come nel caso della caduta del Muro di Berlino o la situazione sociale in Cuba o in Brasile.

Le sue opere sono state esposte alla Corcoran Gallery of Art, alla Nikon Gallery, al Museum of Modern Art di New York e al Virginia Museum of Fine Arts. Inoltre, Harvey è entrato a far parte di Magnum come candidato nel 1993 e ne è diventato membro a pieno titolo nel 1997. Attualmente si dedica molto all'insegnamento e tiene workshops in giro per il mondo.

Per maggiori informazioni:


0 visualizzazioni