• Marco Comendulli

Chi è Richard Kalvar?


Richard Kalvar nacque a New York nel 1944. Studiò letteratura inglese e angloamericana alla Cornell University, tuttavia, la sua vera passione, la fotografia, la trovò negli anni a venire ed il suo primo approccio con essa la ebbe lavorando come assistente del fotografo di moda Jerome Ducrot. Fu un evento importante quando Ducrot gli mostrò un giorno un libro di Cartier-Bresson e di alcuni dei grandi fotografi dell’Agenzia Magnum; in quel momento capì che doveva iniziare il suo percorso e purtroppo l’America non era sufficiente per intraprenderlo e decise così di realizzare un viaggio in Europa. Partì con una piccola valigia, la sua fotocamera e man mano che scattava affascinato la vita europea spediva i rullini in America dal padre. Alla fine del suo viaggio, quando ritorno a New York, iniziò a lavorare in un laboratorio di stampa e lì gli permisero di sviluppare i suoi rullini alla sera alla fine della giornata lavorativa; fu una grande sorpresa per lui rivivere quei momenti di GranTour in giro per l’Europa. Tuttavia, dopo pochi anni Kalvar si trasferisce a Parigi definitivamente ed inizia a costruire un vero archivio di fotografie. “E' sempre stimolante essere altrove”. Nel 1972 diviene protagonista di una cooperativa che diede vita all'agenzia Viva composta da un gruppo di giovani fotografi che sconvolsero il mondo della fotografia francese. Finalmente nel 1975 entrò a far parte di Magnum Photos continuando anche a definire il suo stile. Secondo il fotografo, le sue fotografie non sono altro che una apparenza della realtà; egli è attratto dalle persone e dai loro movimenti e sentimenti, egli non partecipa mai direttamente, ma si mantiene a distanza. E’ appunto questo incontro con le altre persone che lo affascinano e lo portano a scattare le sue fotografie, le loro azioni, i loro gesti, il parlato, la camminata, e Kalvar cerca solo di catturare ogni momento e ogni particolare. “La fotografia è astratta dalla vita, eppure sembra una vita. Questo è ciò che mi entusiasma sempre”. Le sue immagini presentano sempre situazioni con una sensazione di straniamento, uno stato di tensione fra livelli interpretativi e un tocco di ironia. Infatti, le sue fotografie sono spesso buffe e divertenti poiché ritraggono momenti particolari che accadono in quel attimo in cui egli scatta l’immagine.

Per maggiori informazioni:

https://www.magnumphotos.com/photographer/richard-kalvar/ https://www.thingsiliketoday.com/richard-kalvar-il-lato-buffo-della-vita/ http://vieffephotographer.blogspot.com/p/richard-kalvar-photographer.html https://www.youtube.com/watch?v=RQZqX1pJqQA


59 visualizzazioni